Bolero

Facebook

Che eleganza il generale!
Almeno su questo siamo d’accordo vero?
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Scaletta di questa sera a Quarto Grado ... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Dentro questa casa di Aymavilles, vicino ad Aosta, intorno a mezzanotte una donna di 48 anni, Marisa Charrère, ha ucciso i figli di 7 e 9 anni e si è tolta la vita. La donna ha lasciato due lettere nelle quali descrive il peso insopportabile della sua vita.
Lo so, quello che sto per scrivere non piacerà a molti. Di fronte a una mamma che toglie la vita ai propri figli, mi piange il cuore e non riesco a non provare pietà, oltre che dolore, disagio e rammarico. Ma non riesco a infierire, non sento la rabbia che mi sale dentro quando l’assassino dei propri bambini è un uomo, il padre.
#crime #aosta #aymavilles
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Vi faccio una proposta che non potete rifiutare 😊
Quarto Grado, questa sera su #rete4
Chi ci sta?
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Che cosa si può dire di fronte a quello che è successo nell’aula di un tribunale di Cork, in Irlanda?

Prima i fatti. Un uomo di 27 anni, accusato di stupro, è stato assolto. E fin qui nulla di strano, i giudici lo avranno ritenuto non colpevole e amen.

Ma quello che è successo in aula, e che avrebbe portato alla decisione della corte, merita di essere raccontato. Sembra che l’avvocato del presunto stupratore, donna, per convincere la giuria che si era trattato di un rapporto consenziente, abbia mostrato in aula le mutande che la vittima indossava al momento del rapporto sessuale, pronunciando più o meno queste parole: “Guardate il mondo in cui era vestita, indossava un perizoma con la parte anteriore in pizzo”.

In Irlanda si sono scatenate subito delle proteste, che sono arrivate fin dentro il parlamento, dove la deputata Ruth Coppinger ha protestato nelle modalità che potete vedere in questa foto.

La vittima, una ragazza di di 17 anni, per il solo fatto di indossare un tanga, se l’è cercata.

E torno alla domanda iniziale. Che cosa si può dire? Si può dire che è un mondo di merda, che è meglio nascere uomini, che è così difficile essere donna. E che il mondo non è un posto per donne.

Nessuno, di fronte a uno scippo o una rapina, si sognerebbe di colpevolizzare la vittima perché magari indossava un orologio di marca passeggiando tranquillamente per le vie di un quartiere considerato poco sicuro. No. Qui c’è di mezzo la carne, e con il richiamo della carne non si scherza. Dimostrami che avevi una pistola puntata alla tempia, che hai provato a respingere l’aggressore con tutte le tue forze, oppure taci e non rompere i coglioni.
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Al convegno di Milano ho ribadito perché sono fortemente dalla parte delle donne. ... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Secondo i giudici del Tribunale del riesame di Roma non ci sono elementi a sufficienza per contestare l’accusa di omicidio a due dei tre fermati per la morte di Desirée Mariottini, la ragazza di 16 anni violentata e uccisa dentro un edificio abbandonato nel quartiere San Lorenzo.

Capisco che la notizia possa suscitare perplessità e perfino disgusto, anche perché in queste ore i sobillatori di professione non sono rimasti certo con le mani in mano. Ma inviterei tutti a una maggiore serenità di analisi.

Bisogna avere chiaro il principio per cui un conto è la giustizia di piazza, dove basta che qualcuno ti indichi come responsabile per un reato e sei subito additato, processato, condannato e bruciato al rogo. Un altro conto, per mia, per vostra, per nostra fortuna, è la giustizia dei tribunali. Qui i giudici non devono farsi guidare da sentimenti, opinioni personali o di massa, ma devono soltanto decidere se ci sono prove certe per sostenere una accusa.

Se ci sono, bene. Se non ci sono, devono prenderne atto. Punto. Anche quando loro stessi pensano che la verità sostanziale sia diversa. La folla storcerà il naso, reagirà con sdegno e con rabbia. Ma l’errore sta a monte. Una persona fermata, arrestata, perfino condannata in primo e secondo grado, che abbia la pelle bianca o nera, che sia nato in Italia, abbia un permesso di soggiorno, o addirittura non abbia diritto di restare nel nostro paese, rimane innocente fino a sentenza definitiva.
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

‪Agli amici di Milano e dintorni, oggi a partire dalle 14 parliamo di donne, violenza, processi, giustizia.‬ ... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Vi presento la mia nuova scrivania. Riparto da qui, carico e determinato come non mai. Ho fatto questa scelta importante per rimettermi in gioco e scommettere sul futuro, giocare in attacco, con umiltà, passione e voglia di imparare cose nuove. Inizia oggi la mia nuova vita professionale.
A coloro che mi seguono con affetto da anni dico soltanto una cosa, rimanete al mio fianco, ho tante idee e progetti da realizzare 👍💪.
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

Era una persona umile, un uomo semplice, un onesto lavoratore. Era un grande italiano. Era mio padre ❤️
È passato un anno.
... Leggi tuttoChiudi

Vedi su Facebook

LE NOTIZIE

Inchieste/ Notizie/ Rullo | Contrassegnato / / / /

Omicidio Vannini, Viola scrive una lettera ai genitori di Marco

( articolo pubblicato su Panorama).   La lettera è arrivata oggi, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Viola Giorgini rompe il silenzio e scrive ai genitori di Marco Vannini, il giovane bagnino di Cerveteri rimasto ucciso mentre si trovava in casa della fidanzata. La storia è questa: sono le…

4 commenti

Inchieste/ Notizie/ Rullo | Contrassegnato / / / / /

Terremoto Molise: “La terra trema, come quel giorno in cui persi mia figlia”

( articolo pubblicato su Panorama) Più di cinquanta scosse registrate negli ultimi giorni in Molise. Le hanno sentite anche a San Giuliano di Puglia. Sì proprio lì dove il terrore e la morte diventarono l’incubo della popolazione in quel mai rimosso 31 ottobre 2002. San Giuliano di Puglia, 27 bambini…

Lascia un commento

Inchieste/ Notizie/ Rullo | Contrassegnato / / / / / / / /

La faccia violenta dell’immigrazione.

( articolo pubblicato su Panorama ) «C’è una evidente presenza di stranieri superiore agli italiani sulle scene del crimine» ammette con prudenza Anna Italia, ricercatrice del Censis. «Ma nella maggior parte dei casi si tratta di irregolari, perché chi sta in Italia da tempo è portato a non delinquere». Se…

1 commento

Notizie/ Rullo | Contrassegnato / / / / / / / / / / / /

Tra i bambini sordociechi alla Lega del filo d’oro

  (Articolo pubblicato su Panorama, foto di Franco Origlia)   Per arrivare a Osimo ti lasci Ancona alle spalle, guidi per una ventina di minuti e sei immerso in un paesaggio incantato. Attraversi campagne, colline e di colpo ti ritrovi sopra un piedistallo, sospeso tra il mare da una parte…

3 commenti

Inchieste/ Notizie/ Rullo | Contrassegnato / / / /

Lo strano caso dei leasing a prezzi di saldo – La mia inchiesta di Ottobre su Panorama

Prima un’interrogazione parlamentare. Poi alcuni dettagliatissimi esposti. Che accusano la Ubi banca di avere acquistato uno yacht e un jet, e di averli ceduti a prezzi molto più bassi del loro effettivo valore. Così oggi tre procure indagano su una serie di operazioni e su un sospetto intreccio di nomi e di società. Ma anche la Banca d’Italia apre un’ispezione. Che accerta «comportamenti illegittimi», controlli lacunosi e «potenziali conflitti d’interesse»….

1 commento