Brigitta Kocsis: qualcuno mi spieghi che ho fatto di male

Brigitta Bulgari
Prima che la portassero in galera, Brigitta Bulgari si è tolta lo smalto dalle unghie. Poi ha voluto sapere se avrebbe potuto lavarsi i denti una decina di volte al giorno, com’è sua abitudine, e se le avrebbero lasciato portare il phon in cella. È entrata nel carcere di Belluno all’alba di domenica 23 maggio, è ancora agli arresti e rischia una pena di 12 anni, mentre i gestori del locale di Fossato sono indagati a piede libero. Panorama l’ha intervistata, attraverso il legale, dietro le sbarre.


BRIGITTA: CRONACA DI UN ARRESTO

Che cosa è successo esattamente quella sera?
Sono andata a lavorare come sempre. Il locale mi ha dato l’autorizzazione per un normale spettacolo erotico. Ovviamente sono loro che devono controllare il divieto ai minori. Però i gestori del locale dicono che nel contratto non era previsto che lei dovesse spogliarsi. Dicono così per coprire i loro sbagli. Io faccio spettacoli in Italia da 7 anni e non ho mai avuto problemi. La prova che loro volevano lo spettacolo è che avrebbero potuto interromperlo in qualunque momento. Non l’hanno fatto.

È possibile che nel corso della serata lei non si sia mai accorta di essere circondata da minorenni?
Ho tutti i riflettori su di me, intorno vedo solo ombre. Come faccio a capire quanti anni hanno? Non posso distinguere un diciassettenne da un diciottenne. Non sono mica tenuta a chiedere documenti a 3 mila persone. Io mi sono fidata del gestore.

Si rende conto della gravità dei fatti contestati?
Per forza, sono in prigione. Ma la mia unica colpa è quella di essermi fidata di gente non professionale. Non ho mai fatto male a nessuno, sono contro gli abusi e le prepotenze, figuriamoci sui minori. Sto male persino se vedo trattare male un animale.

Che pensa della società in cui vive?
È una società falsa, un mondo ipocrita che fa tutto di nascosto, anche le cose più brutte come la pedofilia. C’è tanta falsità.

Come passa le sue giornate in carcere?
Provo a non impazzire, sto sempre in branda, scrivo i miei pensieri, pulisco la stanza. Unico lusso che mi concedo: le gomme da masticare. La notte mi rigiro nel letto, mi tornano in mente momenti della mia vita mixati in modo disordinato.

Con chi sta in cella?
Con una signora più grande di me che cerca di farmi coraggio. Parliamo di tante cose, delle nostre famiglie.

Prega?
Sì, prego in italiano. Sono credente e spero che Dio abbia un poco di tempo per vedere la mia situazione assurda.

C’è qualcosa o qualcuno che le manca in particolar modo?
Il mio migliore amico che mi è sempre stato vicino nei momenti difficili. E i miei tre cani.

Messaggi dai suoi fan?
Arrivano centinaia di telegrammi dai fan e dai detenuti di altre carceri. Mi dicono tutti di farmi forza. Ringrazio tutti.

Qual è la prima cosa che farà una volta uscita di prigione?
Un lungo giro in bicicletta in mezzo alla natura.

Tornerà a fare il suo lavoro?
Vorrei migliorarmi. Negli ultimi tempi avevo imparato a fare la dj. Chissà. Qui è difficile pensare al futuro.

IL VIDEO INCRIMINATO: ESCLUSIVO PER PANORAMA

Questa voce è stata pubblicata in secondario. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *